Google ha annunciato e dismesso la funzionalità “Google Instant” dal suo motore di ricerca, quella feature che automaticamente popolava i risultati di ricerca mentre si digitava la query nella barra di ricerca.
Quando fu introdotta migliorò notevolmente l’esperienza utente, riducendo il tempo necessario a scrivere l’intera query di ricerca e cambiò, di fatto, il modo di usare Google.
Ma i tempi cambiano e oggi più di metà delle ricerche avvengono tramite dispositivi mobili. Sullo schermo di un telefonino è più complicato non solo scrivere i termini di ricerca (vedi gente alle prese con il correttore automatico) ma anche visualizzare i risultati istantanei della ricerca, che vanno a occupare una porzione di schermo che, assieme alla tastiera, non risulta essere un’esperienza ottimale per l’utente.

Sembra che Google abbia dichiarato:

Abbiamo lanciato Google Instant nel 2010 con l’obiettivo di fornire agli utenti le informazioni di cui necessitavano nel più breve tempo possibile, prima ancora che finissero di scrivere i termini della ricerca sul proprio desktop. Da quando moltissime ricerche vengono effettuate tramite dispositivi mobili, dove l’interazione e l’inserimento dei termini di ricerca sono molto differenti, questo non ha più senso. Con questo in mente, abbiamo deciso di rimuovere Google Instant, cercando di focalizzarci su come rendere la Ricerca la più veloce e fluida possibile su tutti i terminali.

Di conseguenza, ora, i risultati derivati dall’auto-completamento vengono presentati come un classico menù drop-down nella barra di ricerca stessa, senza che la pagina dei risultati cambi.

Gli utenti potevano già disabilitare Google Instant, ora ci ha pensato Google, in virtù di un miglioramento di quella User Experience tanto portata avanti.